L'evento organizzato da AC Verona durante il Rally Due Valli. In collaborazione con ULSS9 SCALIGERA e grazie al supporto del Comune di Verona Assessorato ai Servizi Sociali e alla partnership tecnica di Orange1 Holding, dei ragazzi diversamente abili hanno potuto salire su una vera auto da corsa.

VERONA, 18.10.2017 – Nelle tre giornate del Rally Due Valli 2017, il comitato organizzatore della gara, in collaborazione con ULSS 9 Scaligera nella persona del Direttore Generale Dr. Pietro Girardi e del dirigente Dr. Grottola, grazie al supporto del Comune di Verona, Assessorato ai Servizi Sociali, ha organizzato nella giornata di sabato 14 ottobre la pregevole iniziativa “Rally Therapy – A bordo di un sogno” che ha riscontrato un ottimo successo.

Alcuni ragazzi e ragazze diversamente abili hanno provato l’ebbrezza del rally alla Rally Due Valli Arena sul percorso della prova spettacolo “Città di Verona”. L’iniziativa è stata possibile anche grazie al supporto tecnico di Orange1 Holding ha messo a disposizione le vetture con i due piloti professionisti Luca Filippi ed Ivan Pezzolla.

Sono stati oltre 40 gli ospiti che hanno effettuato due giri di pista mettendo il casco ed “infilandosi”, non senza fatica, nell’angusto abitacolo di una vera macchina da corsa. Le emozioni e l’adrenalina erano talmente palpabili che anche i piloti, pur abituati a sensazioni altrettanto forti, si sono commossi per un’iniziativa che fa ha fatto bene allo spirito di tutti e che ha donato qualche minuto di felicità e di gioia a persone che nella vita sono state sfortunate.

I due piloti non si sono risparmiati ed hanno corso per oltre un’ora sul tracciato della “Rally Due Valli Arena” approfittando di una giornata insolitamente molto calda. Al termine dell’ora stabilita, più di una persona disabile ha voluto effettuare il bis, chiedendo ai piloti di spingere “al massimo” le Seat Leòn da competizione.

Ivan Pezzolla (pilota):
“È stata un’emozione oggi portare queste persone che sono meno fortunate di noi e renderle davvero felici con così poco. Spero che queste iniziative proseguano nel tempo, anzi con più costanza e frequenza. Onestamente è stata da parte mia, quindi da parte di un pilota, l’emozione più grande della mia vita”.

Luca Filippi (pilota):
“Questa è un’esperienza che non avevo mai fatto, per me è una grande novità, anche se sono tanti anni che sono nelle corse. Quando Armando Donazzan mi ha proposto questa iniziativa, non ci ho pensato mezzo secondo ad accettare. Guidare le macchine da corsa è sempre bello, però quando hai un motivo in più per farlo ed è un motivo così importante non è possibile pensarci due volte. È stata una bellissima iniziativa, abbiamo portato a bordo delle nostre vetture da corsa dei ragazzi che sicuramente non avevano mai avuto questa possibilità e sicuramente non l’avrebbero mai avuta se non fosse stato per questa inziativa dell’Automobile Club Verona, Orange1 Holding e BRC che hanno messo a disposizione le vetture. Una iniziativa incredibile, da padre di famiglia, ho due bimbe, portare dei ragazzi che si sono trovati in questa condizione e “portarsi a casa” un sorriso, bello, sentito e sincero. Per me è stata una grande opportunità di rendere loro felici e non bisogna mai dimenticarsi di quanto siamo fortunati nella vita quando si ha la salute. È stata anche un’opportunità di imparare qualcosa di nuovo che non è per nulla scontato”.