Il vicentino comanda con 1.6 secondi di margine sul biellese, ma nella prima frazione sono state disputate solo due prove speciali su quattro. Righetti esce di scena sulla PS2, al terzo posto c’è Cunegatti. Domani altre quattro prove speciali nell’est veronese.

VERONA, 11 ottobre 2019 – Una prima tappa thrilling ha tenuto banco al 37° Rally Due Valli valido per la Coppa Rally di Zona. I concorrenti hanno disputato solo due delle quattro prove speciali previste a causa di una concatenazione di eventi che ha contraddistinto la serata di gara.

Il confronto per la vittoria ha due protagonisti: Efrem Bianco e Corrado Pinzano. Il pilota di Schio, in gara con Dino Lamonato sulla Skoda Fabia R5 della DP Autosport con i colori della Julli, ha segnato il miglior tempo sulle prime due speciali e si è presentato al via della terza con 1.6 secondi di margine su Corrado Pinzano e Marco Zegna al debutto sulla Volkswagen Polo GTI R5 della PA Racing per i colori della New Driver’s Team.

In un primo momento al terzo posto si era piazzato un ottimo Roberto Righetti, sulla Citroen DS3 R5 in coppia con Massimo Nalli. Il veronese è però uscito di strada sulla PS2 e questo episodio ha segnato il resto della serata. Le operazioni di recupero della vettura, coordinate dalla Direzione Gara, sono state particolarmente difficoltose per la posizione dell’auto. Al momento della ripartenza, dopo un nuovo passaggio degli apripista, tutti i concorrenti in attesa allo start della PS3 e quelli in attesa allo start della PS4 si sono rifiutati di disputare le prove, che sono così andate in trasferimento.

La classifica è rimasta così congelata alla PS2, con Bianco che ha così chiuso le ostilità in testa per 1.6 secondi su Pinzano. Terzo posto per Cunegatti-Righetti (Skoda Fabia R5) a +36.5, autori comunque di un’ottima prestazione. A chiudere i primi cinque sono Cocco-Buccino (Skoda Fabai R5), quarti a +37.7, Degani-Marai (Skoda Fabia R5) quinti a +46.

La gara riprenderà domani, dalle ore 9:26, in coda a CIR e CIRAS, per disputare le restanti quattro prove speciali, “Roncà”, “Ca’ del Diaolo” (versione accorciata a 13.75 chilometri), “Santissima Trinità” e “Marcemigo”.

Arrivo in Piazza Bra alle 15:30.